Archivio della categoria: Canti

Maddalena – Davanti a quella croce




Coro:

Davanti a quella croce chissà cos’hai pensato,
forse hai ricordato come tu eri cambiata
davanti a quello sguardo che un giorno lui ha posato
su di te, come nessun altro.

Maddalena, tu non puoi credere
che tutto sia finito, lui ora non c’è più…
Senti ora dentro te quel vuoto che fa male.
Vai da lui: ti attende in quel sepolcro.

Ma il dolore è grande!

Maddalena:

“Hanno portato via il Signore!
Hanno portato via il Signore!
Hanno portato via il Signore!

Tu, custode del giardino,
Dimmi chi l’ha preso! Dove l’hanno messo?
Disperata io, se non posso
toccare il suo corpo ancora.

Tu, custode del giardino,
dammi una risposta!
Ho bisogno di sapere…
se lui è ancora in questo luogo,
vedere il suo volto ancora!”.

Coro:

Forse le tue lacrime oscuravano il tuo cuore,
perché quando l’hai visto non l’hai riconosciuto.
Nel cuore la speranza s’era persa in quel dolore,
ma ora lui è lì davanti a te!

Gesù:

“Donna, perché piangi? Donna, tu chi cerchi?
Maria!”

Maddalena:

“Maestro!”.

Gesù:

“Tu non mi trattenere
Va’ dai miei fratelli, ridona la speranza
Io vado al Padre, che d’ora in poi
è anche Padre vostro!

Io ho donato la mia vita.
La morte è stata vinta!
Non abbiate più paura!
Gridate al mondo che sono risorto!
Sarò con voi per sempre!”.

Discepoli:

“Noi per sempre annunceremo
la vita che ora è nata!
Grideremo al mondo
che Gesù è risorto, ed oggi ancora
è vivo in mezzo a noi!”.

“Noi per sempre annunceremo
la vita che ora è nata!
Grideremo al mondo
che Gesù è risorto, ed oggi ancora
è vivo in mezzo a noi!”.

 

Il canto può essere drammatizzato, con la Maddalena che arriva davanti al sepolcro vuoto, simbolizzato visivamente o con un telo, con lei che si rivolge al custode del giardino, con cui avviene il dialogo. Infine, entrano i discepoli (con i costumi o con i teli del bibliodramma) cantando l’ultima strofa che si ripete ad libitum, mentre loro passano in mezzo alla gente, per annunciare “la vita che ora è nata” e gridare al mondo “che Gesù è risorto”, per esempio consegnando a tutti qualcosa che simbolizzi la resurrezione (un piccolo